COSENZA: ALLOGGI PER ANZIANI SENZA RETE FAMILIARE ESTERNA DI RIFERIMENTO

I luoghi dell'abitare, e i servizi di cui necessita chi vi sarà ospitato, come un sistema unico ed integrato

La zona d’intervento si presenta come un’enorme spazio libero che di fatto è un’area a forte degrado ambientale. Con l’intervento proposto si assegna a questa parte di tessuto urbano una definizione più coerente al disegno di città e si punta a dare un’organizzazione spaziale finalizzata a riqualificare il comparto sul piano urbanistico ed edilizio. La scelta progettuale è stata determinata dall’esigenza di dare un’ assetto che favorisse la creazione di spazi pubblici attrezzati con parcheggi e verde, che permette un’articolazione dell’ area funzionale ad una buona qualità dell’abitare con un disegno sul piano edilizio che  definisce gli spazi con elementi architettonici ben definiti e per ciò meglio identificabili. Per le persone anziane, l’insediamento abitativo assume un nuovo significato, da un lato fortemente ispirato ai principi di indipendenza ed autonomia, e dall’altro strettamente connesso ai concetti di prossimità e fruibilità di servizi: sanitari, sociali, culturali e ricreativi, domestici, di mobilità ed accompagnamento, ecc.. Al dualismo fra l’abitazione di proprietà e la casa di riposo, da sempre respinta dall’anziano, in quanto luogo dove concludere la propria esistenza in seguito allo sradicamento da ambienti nei quali si erano consolidate le proprie componenti emotive ed affettive, si contrappone l’opportunità di un centro residenziale nel quale concentrare e rendere fruibili i servizi per il benessere e la qualità della vita dei propri ospiti.