NEONELI, SCRIGNO DI BELLEZZA

Piccola e grande insieme, Neoneli è uno scrigno di bellezza che si estende per 50 kmq nonostante i suoi abitanti siano meno di 700. Il suo grazioso centro storico, ben conservato com’è, vanta un fascino che richiama i borghi provenzali, e alcuni belvedere mozzafiato che permettono alla vista di spaziare fino al mare. Ricche d’emozione sono le feste religiose e il carnevale. Gustoso e di successo, il festival culturale “Licanias” coniuga i tipici piatti Neonelesi alla cultura, all’arte e alla musica. La severa e imponente chiesa parrocchiale è intitolata a San Pietro Apostolo, mentre all’arcangelo Gabriele è intitolata una piccola chiesa campestre nella vicina località “S’Angelu”. Molto suggestivo è il parco di Assai, popolato da cinghiali, cervi, daini e altre specie faunistiche. Numerosi i possibili percorsi, tra i boschi, con fonti d’acqua e grandi massi dalle forme più inconsuete, tra cui “Sa Crabarissa”, un monolite granitico alto più di 40 metri e raffigurante – secondo la leggenda – una fanciulla pietrificata a causa di un rifiuto amoroso. Il resto lo fa una campagna densa di asfodeli fioriti, erica, germogli di fico, peri selvatici e vigneti. E, poi: il silenzio, i profumi, l’aria di montagna, i greggi ordinati di pecore e capre, le fontane d’acqua gelida, il sapore forte del vino locale e il pane fatto in casa.