Gianni Biagi, Direttore URBIT


La situazione economica determinata dall’emergenza sanitaria ha indotto il legislatore italiano ad importanti interventi di sostegno all’economia. Nel settore edilizio in particolare è stata prevista la possibilità di aumentare fino al 110% del costo degli interventi le detrazioni fiscali già esistenti per i miglioramenti dell’efficienza energetica e sismica degli edifici.

Urban Promo Green aveva già affrontato il tema dell’efficacia degli incentivi fiscali come leva per il miglioramento complessivo del patrimonio edilizio del nostro paese, rilevando luci e molte ombre sull’effettiva applicabilità delle norme. Il seminario si propone di esaminare, praticamente in diretta, le condizioni di applicabilità di queste nuove norme che sono state approvate solo da alcune settimane e per la cui applicazione sono stati emanati da pochi giorni i decreti e le circolari applicative.

L’estesa attivazione degli interventi di efficientamento energetico e di messa in sicurezza sismica del patrimonio edilizio pubblico e privato italiano consentirebbe non solo di migliorare l’efficienza e la sicurezza delle nostre città ma anche di ricostruire un volto nuovo alle città italiane ed in particolare di quelle parti di città costruite nell’immediato dopoguerra e fino agli anni ‘80 che più hanno necessità di ricostruirsi un’adeguata e nuova immagine urbana. Intervenendo infatti sulla “pelle” degli edifici potrebbe essere possibile anche “cambiare” l’immagine esteriore degli stessi e ricostruire una nuova scena urbana. Per discutere di tutto questo abbiamo chiamato esperti di Enea, dell’Agenzia delle Entrate, dell’Università Iuav di Venezia, di soggetti privati che da tempo operano nel settore. Soggetti che saranno, nel bene o nel male, i protagonisti di questa nuova stagione.