Alessandro Bruni e Iginio Rossi, INU – URBIT


Il Progetto INU “Città accessibili a tutti” ha messo in evidenza l’importanza di costruire il sistema dell’accessibilità laddove la finalità supera la logica del singolo intervento di superamento delle barriere per un traguardo più ampio della qualità complessiva, si tratta di un’impostazione che è ribadita spesso nelle Linee guida pubblicate in http://atlantecittaccessibili.inu.it/.
Nel più ampio concetto di accessibilità e inclusione per tutti, nel quale si considerano le limitazioni imposte all’autonomia delle persone prodotte da barriere fisiche, sensoriali, percettive, intellettive, di genere ma anche culturali, sociali, economiche e ambientali, i temi centrali del bando 2022 riguardano prioritariamente: il benessere delle persone; la vitalità urbana; la mobilità attiva; l’abitare; le prestazioni della città pubblica; l’ambiente e la sostenibilità; la valorizzazione e la fruizione del patrimonio artistico e culturale; l’apporto di soluzioni tecnologicamente avanzate e innovative per innalzare la qualità della vita.
Le Sezioni del bando 2022 inerente le Tesi di laurea magistrali e le Ricerche-studi riguardano le parti urbane (centri storici, quartieri periferici, spazi pubblici, edifici) e le dimensioni vaste (città, ambiti rurali, territori).
La consegna dei premi sarà anche l’occasione, attraverso il coinvolgimento di studiosi e osservatori, per riflettere sulle tendenze espresse dal mondo dell’università al fine di individuare le probabili prospettive di sviluppo che gli ambiti dell’accessibilità e dell’inclusione per tutti stanno seguendo.

 


(Programma in corso di definizione)

Contributi

Esegui il login o registrati per inserire un commento Commenta