Legacoop Abitanti, Legacoopsociali

L’incombente crisi sociale e i processi trasformativi nelle città e sui territori hanno bisogno di cooperazione.
Le transizioni in atto sono state occasione per riorganizzare il “fare” della cooperazione sociale e di abitanti nella direzione della trasversalità di azione e della sostenibilità globale, contribuendo all’affermarsi di un ripensamento delle relazioni fra istituzioni e società, fra pubblica amministrazione e soggetti dell’economia sociale con i quali costruire linguaggi comuni e condividere finalità di inte­resse generale in un percorso che non sia solo di ascolto, ma di inclusione, partecipazione, delibera­zione nella quale si compongano i differenti interessi.
Legacoop Sociali e Legacoop Abitanti presentano Transizioni Urbane Cooperative, avvio di un progetto editoriale di Fondazione Barberini:
una ricerca per la costruzione di strumenti di coprogettazione e valutazione di impatto – realizzata insieme al Politecnico di Milano (Real Estate Center REC,  laboratorio del Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito e Tiresia, centro di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Gestionale) e con il sostegno di Coopfond- nei quali la cooperazione si propone come sistema di impresa in un’ottica di  filiera cooperativa,  intesa non come catena sequenziale di funzioni,  ma come produzione di valore attraverso l’ibridazione di competenze e risorse, in un ruolo di advisor dei soggetti pubblici. Nell’ambito dell’iniziativa verranno inoltre presentati progetti che hanno attivato reti e gestito partnership complesse, che saranno osservati con la lente degli strumenti della progettazione e della valutazione e messi in dialogo con interlocutori delle pubbliche amministrazioni.


Ore 14:00 Ingresso in sala

Ore 14:30 Inizio dei lavori


PROGRAMMA

Introduce e modera:

Roberto Lippi, Direttore Fondazione Barberini

Transizioni Urbane Cooperative:

Angela Silvia Pavesi e Genny Cia, Real Estate Center del Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito, Politecnico di Milano
Valentina Tosi, Tiresia -School of Management, Politecnico di Milano
Paola Bellotti, Direttrice Area Sostenibilità e Sviluppo Coopfond
Carlo Cellamare, Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale, La Sapienza Università di Roma

Le sfide sistemiche della rigenerazione urbana e la Cooperazione:

Eleonora Vanni, Presidente Legacoopsociali
Rossana Zaccaria, Presidente Legacoop Abitanti

“Ospitalità Solidale”
Sara Travaglini, Presidente Cooperativa Dar Casa

“Fai la Casa Giusta”
Tancredi Attinà, Vice Presidente Coopertoscana
Giulia Maraviglia, Sociolab Società Cooperativa e Impresa Sociale
David Pasqualetti, Responsabile Tecnico di Settore Salute Mentale, Dipendenze e Marginalità “Cooperativa Sociale G. Di Vittorio”
Michele Vignali, Presidente Coob Consorzio Cooperative Sociali per l’inclusione Lavorativa

Integrazione tra modelli gestionali e tecnologia  per migliorare la sostenibilità ambientale, sociale ed economica: la proposta C.N.S. – FINABITA”
Luigi Zucchelli, Direttore Area Tecnica Integrata e Sviluppo C.N.S.
Fabio Bastianelli, Amministratore Finabita Spa

“Villaggio Gandusio”
Maria Sole Spagoni, Coordinatrice progetti di mediazione sociale e lavoro di comunità, Cooperativa Open Group

“Senior Housing Nichelino”
Massimo Rizzo, Presidente Cooperativa G. Di Vittorio TO

“Quartiere – Laboratorio Caleidoscopio”
Luca Borghi, Presidente Cooperativa Andria
Francesco Peggi, Educatore Cooperativa

Rigenerare il rapporto con la Pubbliche Amministrazioni:

Marcello Capucci, Responsabile del servizio Qualità urbana e Politiche abitative, Regione Emilia-Romagna
Serena Spinelli, Assessore Politiche sociali, edilizia residenziale pubblica e cooperazione internazionale, Regione Toscana
Chiara Caucino, Assessore Infanzia, genitorialità e ruolo della famiglia nelle politiche del bambino, Politiche della casa Regione Piemonte
Alan Christian Rizzi, Assessore alla Casa e Housing Sociale, Regione Lombardia

Contributi

Esegui il login o registrati per inserire un commento Commenta