L’abitare sociale è il grande tema al centro di Urbanpromo Social Housing, manifestazione specialistica promossa dall’INU insieme con Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariplo e Fondazione Sviluppo e Crescita CRT. Partecipano alla realizzazione della manifestazione CDPi Sgr e Fondazione Housing Sociale.
Da dieci anni Urbanpromo Social Housing è l’unico evento italiano interamente dedicato alle politiche abitative, ai loro strumenti, ai settori e alle modalità di intervento.
Il 17 e 18 novembre 2020 il Salone d’Onore della Triennale di Milano ospiterà la X edizione della manifestazione, all’interno della XVII edizione di “Urbanpromo Progetti per il Paese”.


Il programma che si sta configurando attraversa, in successione, il tema della domanda di infrastrutture sociali, quello delle risorse finanziarie attivabili e infine quello dell’atterraggio delle risorse nelle città, ossia della capacità di spendere. Il legante di questa successione è l’aspirazione alla riduzione delle disuguaglianze, accentuatesi per effetto della pandemia, con diretti riscontri sui contesti urbani. Di seguito le sessioni che concretizzeranno il programma.

Sessione di apertura: “Rilanciare le infrastrutture sociali in Italia“. La sessione prende il nome dal recente Rapporto della High-Level Task Force promosso dalla Fondazione Astrid e dalla Fondazione Collegio Carlo Alberto. Special Rapporteur è Edoardo Reviglio. Del gruppo di lavoro sulla infrastruttura “casa” fanno parte Luisa Ingaramo, Giordana Ferri e Luca Talluri. La sessione, che si collega a quella sull’accesso ai finanziamenti europei tenuta due anni fa, sarà aperta da ricerche di scenario sulla futura evoluzione della domanda abitativa (Nomisma per gli alloggi pubblici, Cresme per gli alloggi sociali), e verterà su una introduzione di Edoardo Reviglio. A partire da “InvestEU” il programma della mattinata si aprirà a “Next Generation EU” ed al “Recovery Plan” e quindi, più in generale, all’esame delle opportunità di finanziamento che saranno attivate a livello europeo. È previsto l’intervento dei Presidenti o Direttori generali delle Fondazioni di origine bancaria e di CDPi.

Abitare sociale e rigenerazione di quartieri degradati“, sessione a cura di Compagnia di San Paolo sulle iniziative già attivate e di prossima attivazione per fronteggiare le emergenze sociali prodotte dall’epidemia. Il programma, in corso di elaborazione, in linea di massima prevede una parte iniziale di carattere frontale, una parte centrale organizzata con tavoli di lavoro e una parte conclusiva in plenaria.

Rigenerazione urbana, Social Housing e comunità: il modello britannico tra i villaggi e le città“, sessione a cura di Fondazione Sviluppo e Crescita CRT. I contatti preliminari hanno registrato la disponibilità ad intervenire di The Prince’s Fuondation (sulla progettazione urbana sostenibile, il coinvolgimento delle comunità, i modelli di investimento in settori strategici quali l’housing, la salute, la formazione), Poplar Harca (ente di pubblica utilità che realizza un vasto programma di rigenerazione urbana, comunitaria ed economica nell’East End di Londra), The National Lottery Fund (ente pubblico che utilizza i fondi raccolti dalla lotteria nazionale per sostenere progetti di rilevante impatto sociale che agiscono sulla salute, l’ambiente, l’istruzione, l’inclusione sociale).

Presentazione di progetti e realizzazioni di housing sociale assumendo alcune chiavi di lettura. Ad esempio, come i progetti di housing sociale rispondono alle difficili condizioni di vita e di lavoro innescate dalla diffusione del Covid-19.