Gianni Biagi, Direttore Urbit; Massimo Rossetti, Università Iuav di Venezia


Fin dalla sua prima edizione Urbanpromo Green ha prestato molta attenzione al legno e ai materiali naturali per l’edilizia che si stanno affermando come una delle più significative innovazioni nel campo della progettazione edilizia e urbana. Materiali antichi, o costituenti scarti di lavorazione, che sono stati riscoperti, e talvolta scoperti, come capaci di significative prestazioni tecniche.

Il seminario metterà a confronto esperti del settore del legno con vasta esperienza internazionale che stanno realizzando importanti interventi in Italia e in Australia, con esperienze di recupero degli scarti di lavorazione del riso per la produzione di materiali per l’edilizia, alla ricerca anche di possibili sinergie per una progettazione e costruzione totalmente “bio”.

Inoltre, il seminario comprenderà anche interventi relativi allo sviluppo di un progetto sperimentale di unità abitative temporanee che ha raggiunto la fase operativa. Tali interventi intendono presentare lo stato di avanzamento relativo alla ricerca POR-FESR 2018 “Studio di unità abitative provvisorie innovative in legno per il ricovero e la sistemazione di persone anziane in caso di riqualificazione funzionale di edifici adibiti a case di riposo“, finanziata dalla Regione Veneto nel periodo settembre 2018 – settembre 2019 e finalizzata alla progettazione di un sistema abitativo provvisorio adatto a ospitare anziani non autosufficienti nel caso di interventi quali riqualificazione energetica, messa in sicurezza o rifunzionalizzazione di case di riposo. La ricerca è proseguita nel 2020 con la realizzazione del prototipo di unità abitativa, con la valutazione della riduzione degli impatti ambientali e con la redazione di un progetto di intervento presso un caso studio a Treviso.
Un panorama di studio vasto e multiforme che cerca di cogliere le novità emergenti nel settore privato e in quello della ricerca pubblica.