LA NUOVA CENTRALITA’ DI MASSIMINA A ROMA

Da ex-cava a intervento modello per la rigenerazione urbana

La nuova Centralità di Massimina è un progetto di rigenerazione urbana di una cava dismessa nella periferia di Roma, situata in adiacenza all’omonima Borgata, un insediamento informale di quasi 10.000 abitanti sorto nel secondo dopoguerra. Elemento saliente del progetto, che darà alloggio a 3.000 nuovi abitanti, è la costituzione di un asse dei servizi formato da un centro direzionale, un grande parco, un polo di quartiere e un centro commerciale; questo asse sarà saldamente ancorato al sistema infrastrutturale della zona, che oltre alle arterie di traffico dell’Aurelia e del GRA e alla nuova bretella di collegamento tra di esse, prevede la localizzazione di un hub multimodale con baricentro sulla nuova fermata del treno Roma-Civitavecchia. L’intervento svolgerà un ruolo di volano per la riqualificazione della Borgata esistente, grazie alla attenta integrazione urbanistica e funzionale dei due insediamenti, con l’ambizione di realizzare una Centralità urbana di rilievo metropolitano.